1. 05:31 28th Lug 2014

    Note: 10

     
  2. 05:26

    Note: 14

    Parole o immagine? A quale delle due credere ?
    Le parole hanno peso ma le immagini hanno un che di sbalorditivo che gli scritti non raggiungeranno mai..Una lotta impari,eppure,sono state la parole ad avermi confusa, a far breccia nella mia corazza…
    — Elettra ( mayer )
     
  3. 05:25

    Note: 32

    image: Scarica

    Non mi bastano i riflessi della solitudine ..

    Non mi bastano i riflessi della solitudine ..

     
  4. 05:22

    Note: 13

    Frugami con dita di silenzio
    in questo giorno d’autunno
    in cui anche la lacrima
    s’innamora del freddo
    Strappami al tempo
    dove angoscia e noia
    adombrano il cielo
    Regalami il tuo pensiero
    piu’ dolce e cura con amore
    questo germoglio ferito
    che spoglio di desideri
    ti si offre incantato di vita
    — @Elettra Mayer
     
  5. 05:21

    Note: 13

    image: Scarica

     
  6. 05:19

    Note: 4

    Ho goduto,si,ma non di lui,di te,della tua assenza che so pronta a saturarsi in ogni occasione,con ogni contatto,con tutte le controfigure che mai saranno te.
    E’ la tua verga a spingersi nel profondo facendomi gemere.
    ” Si.Tua..La Tua Puttana.Sempre “
    — da Tu Accadi
     
  7. 05:17

    Note: 7

    Riflessione dolceamara :
    E’ nel profondo dei nostri sogni,delle nostre fantasie che il sesso ci rapisce..e’ solo lasciando liberi i nostri pensieri di percorrere membra sconosciute che saremo in grado di godere ..

    Poco Puttana

    — da Tu Accadi
     
  8. 05:49 22nd Lug 2014

    Note: 84

    image: Scarica

     
  9. 05:48

    Note: 6

    Ho atteso quasi quattordici anni per avventurarmi in quella parte inaccessibile di me.Le mani, esitanti e curiose, a percorrere lentamente ed infine dividere le due morbide pieghe carnose,la’dove le mie labbra si uniscono a formare una fessura.Affascinata e spaventata,in preda a sensazioni nuove e piacevoli,massaggiai con le dita un luogo umido, a me sconosciuto,caldo,quasi ardente.Il viavai del mio dito mi condusse infine al vellutato clitoride.Lo sfregai per qualche minuto,sconvolta da quanto fosse sensibile,fino ad accasciarmi in una specie di mancamento,trattenendo sospiri e gemiti ,scossa da tremiti che nulla avevano a che fare con la temperatura: avevo scoperto quello che volevo.
    Ero esattamente la stessa eppure niente sarebbe stato come prima.
    — Tratto da Diario di una poco puttana
     
  10. 11:59 21st Lug 2014

    Note: 23

    image: Scarica

    Paradossalmente, quando  ripeto più e più volte la frase ” sono una puttana “mi prende una confusa eccitazione…

Tratto da Diario di una poco puttana 

Ph.Martial Lenoir

    Paradossalmente, quando ripeto più e più volte la frase ” sono una puttana “mi prende una confusa eccitazione…

    Tratto da Diario di una poco puttana

    Ph.Martial Lenoir