1. 09:31 29th Set 2014

    Note: 22

    Mordimi labbra e seni,lentamente ma inesorabilmente,maltrattale e rendile sanguinanti,rendimi orgogliosa di esibire i tuoi segni..È la tua lingua che voglio.Tu sai dove..Leccami,succhiami,aspirami..La tua lingua e poi tutto ..Riempimi e sfinisciti .
    — Elettra Mayer
     
  2. 09:30

    Note: 8

    Ci scrutiamo da lontano.In un modo perverso ci cerchiamo.Mi prendi senza farlo veramente e le parole grondano umori,diventano godimento ma se anche porterò nel ventre le tracce di questo riflesso sono delusi i miei gemiti.


    ( dedicata )

    — Elettra Mayer
     
  3. 07:24

    Note: 34

     
  4. 07:23

    Note: 9

    Mi sta stretto sentirmi la trama perduta di un desiderio..Non gratto nessuno strato ..
    — Elettra Mayer
     
  5. 07:22

    Note: 7

    ( Tutto..Semplicemente ..Tutto per tanto tempo..
    Ti voglio ancora.Come sempre.Ti voglio e basta .Puoi amarmi o farmi male …)
    Io ( Elettra )
    ” la nostra vita non e’ la nostra vita ma solo la storia che ne abbiamo raccontato “
    Julian Barnes
    …………………….
    Ed io vorrei tanto far combaciare lo scorrere del tempo che mi racconto con le mie aspettative
    — E.Mayer -Riflessioni a voce alta ( 17 settembre 2014)
     
  6. 07:17

    Note: 119

    Ph Günter Blum -1995

    Ph Günter Blum -1995

     
  7. 07:13

    Note: 9

    Dal mio quaderno di scrittura

    "nessun senso al nostro destino,sarebbe stato un adattarci nocivo,tossico,di quelli che nemmeno si spengono perché non sarebbe diventato mai abitudine "

    — Elettra
     
  8. 07:13

    Note: 15

    "farò pace con la donna che sono dimenticandomi di quella che avrei potuto essere e imparerò ad amarti nell’impronta di un desiderio che non cessa…"

    ( si..)

    — Elettra Mayer
     
  9. 07:11

    Note: 7

    Resti pur sempre il morso del mio desiderio..Disilluso forse,disprezzato e sporcato,perché sei fatto anche di ferocia.
    Menti anche nello sbranarsi dei corpi ed io non invento più giorni, da ritagliare e incollare sulle pagine del mio diario,come fiori putridi,a onorare torbidi bisogni..
    Sei un dolore che afferra ma ,come ogni male,necessario e,nonostante tutto ,vorrei la tua pelle appiccicata alla mia ..
    Come disse Alda : ti aspetto e ogni giorno mi spengo poco per volta ..
    I saluti però scrivili tu
    — Elettra Mayer ( 27 settembre 2014)
     
  10. Quando fra due creature scoppia l’attrazione,anche se inadeguata,tutta l’energia di questo mondo non potrà mettere a posto le cose
    — Da Tu Accadi in data 8 Agosto